Aquile, Balcani, pallone e identità multiple

Ieri durante l’incontro Svizzera-Serbia valido per il gruppo E dei Campionati del Mondo i due goal degli svizzeri sono stati messi a segno da Granit Xhaka e Xherdan Shaqiri entrambi di origini kossovare. Il Primo è nato in Svizzera da genitori rifugiati (il padre addirittura è stato incarcerato per aver rivendicato l’indipendenza del Kosovo, mentre il fratello ha deciso di giocare per l’Albania), il secondo è nato nell’attuale Kosovo da dove era dovuto fuggire a causa della guerra. Entrambi hanno esultato facendo con le mani il gesto dell’aquila albanese, con una chiara accezione antiserba. Continua a leggere

Annunci

Storia della coppa del mondo di calcio (1930-2018). Politica, sport, globalizzazione

image002 (2)

Per la collana “Dentro la storia” da qualche giorno è uscito il libro:

Riccardo Brizzi – Nicola Sbetti, Storia della Coppa del mondo di calcio (1930-2018). Politica, sport, globalizzazione, Firenze, Le Monnier, 2018.

Qui la scheda del libro

Qui il link alla pubblicazione

Qui il link per l’acquisto

 

 

Qui di seguito le varie recensioni, gli interventi pubblici e le presentazioni: Continua a leggere

Like a Bridge Over Troubled Adriatic Water: The Complex Relationship between Italian and Yugoslavian Sporting Diplomacy (1945–1954)

FHSPSulla rivista accademica inglese “International Journal of the History of Sport” all’interno del volume 34 del 2017, ovvero il numero monografico dal titolo “The History and Social Role of Sport in Socialist Yugoslavia” ho pubblicato il saggio: Like a Bridge Over Troubled Adriatic Water: The Complex Relationship between Italian and Yugoslavian Sporting Diplomacy (1945-1954)

Qui di seguito l’abstract:

The fall of the Fascist regime and the creation of the FPRY did not end the pre-existing ethnic strains between the Slovenian–Croatian and Italian populations, nor did it temper the geopolitical ambitions of Yugoslavia and Italy over the Adriatic coast. Furthermore, the political choices of Belgrade and Rome caused, especially up to 1948, growing differences from an ideological standpoint and influenced the sporting field. The aim of this paper is to analyze the evolution of the sporting–diplomatic relationship between Italy and Yugoslavia, paying special attention to the ‘Trieste case’. Unsurprisingly, before 1948, there were no bilateral sporting exchanges; however, the two countries were particularly committed to demonstrate, including in the sporting field, that Trieste belonged to them. Belgrade could take advantage of the presence of a strong communist Italian minority, who created a sport association for the Free Territory of Trieste whose clubs played in the Yugoslavian championships. In a similar way, the Italian Olympic Committee constantly used sport to affirm the ‘Italianness’ of Trieste. After the Tito–Stalin split, the ‘sporting fight’ to ‘occupy’ Trieste lost intensity as Belgrade began to show more interest in reopening the (sporting) relationships with the West. By looking at the evolution of the bilateral relations between Italy and Yugoslavia, it will be argued that the timing of this sporting rapprochement was strongly connected with the political diplomacy between Belgrade and Rome. Continua a leggere

‘Neutrally anti-communists’ international sports institutions and the case of Trieste (1945–1954)

RSIHSulla rivista accademica inglese “Sport in History” all’interno del volume 37 del 2017, ovvero il numero monografico dal titolo “International sports organisations” ho pubblicato il saggio: ‘Neutrally anti-communists’ international sports institutions and the case of Trieste (1945-1954).

Qui di seguito l’abstract:

From 1947 until 1954, the Free Territory of Trieste (FTT) was formally an independent territory under the direct control of the UN. However, unlike the case of the Saar Protectorate, the FTT never managed to achieve recognition in the international sports arena. This article has two key aims. The first is to investigate how different international sports organisations, such as IOC, FIFA and UCI, dealt with the issue of the recognition of an in-limbo state. The second is to analyse the role of the Cold War in the decision taken by the main international sports bodies to not recognise the UCEF. The case of Trieste also allows an analysis of the dual nature of the international sports institutions when they have to deal with political issues. From one side, the IOC and the ISFs can be seen as an arena of confrontation between the interests of different nations. However, at the same time, those sports organisations managed to maintain some degree of autonomy from the realm of international politics. In fact, the decision on Trieste was a compromise between the respect of the rules, the influence of international politics and the internal balance of power of every single body. Continua a leggere

Road to Paris 2024

Paris2024-ocpEnrico Masi e Stefano Migliore hanno prodotto un bel reportage radiofonico sulla Parigi olimpica che si appresta ad organizzare i Giochi Olimpici. Significativo che a commissionargliela sia stata la RSI la radiotelevisione svizzera che ancora una volta si dimostra all’avanguardia su queste tematiche. Nello specifico il programma in questione è Laser, un magazine di approfondimento dell’attualità politica, culturale, sociale, che va in onda su Rete Due. Continua a leggere

23-2-2018 Presentazione di “Materie prime” all’aperitivo di autofinanziamento della “Gino Milli”

28059208_1547627002021190_2452782482192726046_n

Venerdì 23 febbraio 2018 alla palestra popolare “Gino Milli” in occasione della 2° cena di autofinanziamento, presenteremo il libro di Stefano Sacchi “Materie prime. La tratta dei baby calciatori“.

L’appuntamento è per le 18.30

Oltre alla possibilità di discutere insieme all’autore di un tema molto spesso sottovalutato dai principali media sportivi nazionali, potrete fare un aperitivo, sostenere e scoprire le diverse realtà della neonata palestra.

Vi aspettiamo.

Qui l’evento Fb

Le origini storiche della “gaffe” di Luca Lotti

BLciAnBCYAATr29Oggi il Ministro dello Sport, Luca Lotti, nel suo discorso (al 23′.32”) in occasione della cerimonia al Quirinale della Consegna della bandiera italiana si è reso protagonista di una piccola gaffe. Parlando del suo corregionale Zeno Colò, ha affermato che l’abetonese è stato la prima medaglia (d’oro) alle Olimpiadi invernali a Oslo 1952. In realtà il primo alloro italiano ai Giochi d’inverno risale a quattro anni prima a St. Mortiz, grazie a un emigrato italiano residente in Svizzera. Nino Bibbia trionfò infatti nello skeleton. L’errore però ha delle ragioni storiche… la medaglia di Bibbia, infatti, è stata ben presto dimenticata. Come ho avuto modo di scrivere nella mia tesi di dottorato affrontando in appendice la questione Continua a leggere