La frase del giorno (13.3.2017)

steve-redgrave-5goldsIntervistato da Emanuela Audisio su La Repubblica il plurimedagliato britannico nel canottaggio Sir Steve Redgrave si lascia andare a dichiarazioni molto interessanti. L’intervista merita di essere letta per intero ma qui sotto riporto quelle che a mio avviso sono la frase del giorno. Due i passaggi, che a mio avviso, sono estremamente significativi e dimostrano come il sistema economico neoliberale abbia inciso significativoamente sul sistema sportivo (in questo caso briannico, ma ovviamente l’analisi si può allargare). Continua a leggere

La Frase del Giorno (26.2.2017)

Nel corso del primo tempo dell’incontro fra Inghilterra e Italia, valido per la terza giornata del Torneo delle Sei Nazioni di rugby, in un momento in cui gli azzurri stavano mettendo tatticamente sotto gli inglesi grazie ad un’innovazione tattica in difesa, i giocatori di Sua Maestà, ignorando il regolamento, sono andati dall’arbitro chiedendo lumi su come opporsi alla tattica italiana… L’arbitro francese Romain Poite ha brillantemente risposto:  Continua a leggere

La frase del giorno (21.2.2017)

img_6008-u431201038627392j0d-u432905300089495h-656x492corriere-web-nazionaleNei giorni scorsi scorsi sui media italiani aveva fatto scalpore il tesseramento da parte della Golem Softeware Volley Palmi, della pallavolista brasiliana Tiffany Perera de Abreu, che ha appena portato a termine il processo di transizione da uomo a donna. Le letture sensazionalistiche si sono scatenate ancor più dopo il suo esordio nella partita di domenica con cui ha contribuito in maniera importante alla vittoria della sua nuova squadra. Continua a leggere

La frase del giorno (25.01.2017)

6123041_382720

La frase del giorno è tratta dal libro Beve storia del nazismo (1920-1945) di Gustavo Corni (pp. 106-107). Non dice nulla di innovativo rispetto a quanto già si conosce… ma fa sempre piacere trovare riferimenti allo sport in libri di storia politica.

Nel capitolo dedicato alla “Persecuzione antiebraica e lo stato razziale”, l’autore afferma:

Quest’azione legislativa e propagandistica risentiva delle oscillazioni dell’opinione pubblica, verso la quale anche una dittatura totalitaria come quella hitleriana doveva essere sensibile, ma anche di pressioni esterne. Così in occasione dell’anno olimpico 1936, per migliorare l’immagine del paese e impedire un minacciato boicottaggio, la campagna antisemita fu congelata. Molti divieti furono aboliti e tolte le migliaia di cartelli che indicavano nei luoghi pubblici o all’ingresso delle città i “non più” cittadini ebrei.

Continua a leggere

La frase del giorno (20.01.2017)

Oggi l’attaccante croato della Fiorentina Nikola Kalinic ha dichiarato:

“Resto alla Fiorentina, è una mia decisione – chiarisce subito il numero 9 viola -. Voglio giocare in Italia, continuando a farlo nel club in cui sono stato per 2 anni e in cui mi trovo bene.C’è stata un’enorme pressione sul mio trasferimento, tutti mi spingevano lì. La stampa è come se si volesse sbarazzare di me, ma non la Fiorentina ed i suoi tifosi. Continua a leggere