Sport e Identità: regionalismi e politica

17 11 23libro di S.Giuntini su Sport&Identità-LegaNord_Locandina (1) (1)

Giovedì 23 novembre con Sergio Giuntini e Stefano Martelli avrò il piacere di partecipare alla presentazione di questo evento. Vi aspetto numerosi. 

Giovedì 23 novembre 2017, dalle 17.00 alle 18:45, presso la Sala riunioni al piano terra del Dipartimento di Scienze dell’Educazione “G.M. Bertin”, in via Filippo Re 6, 40126 Bologna, si terrà il seminario “Sport e identità: regionalismi e politica” a partire dal volume di Sergio Giuntini: “L’agonismo della Padania. Sport e Lega Nord“.

Ne discutono con l’autore:
Prof. Stefano Martelli (Università di Bologna)
Dott. Nicola Sbetti (Università di Bologna)

L’incontro è organizzato dal gruppo “Sul Filo del Tempo. Presentazioni di Storia e Politica” in collaborazione con lo SportComLab.

 

Annunci

5 maggio – Il Dimondi incontra Bologna

18056675_411173782581630_6051832386547858206_n

Venerdì 5 maggio 2017 al Vag61 in Via Paolo Fabbri 110 a Bologna ci sarà la presentazione pubblica del Torneo Dimonti al quale stiamo partecipando con LEIB. Si parlerà dell’evolzione dello sport popolare, della realtà bolognese, si mangerà, si berrà e si ballerà. Venite numerosi.

Qui il link all’evento facebook – segue la presentazione dell’evento:
Continua a leggere

LIBERTAS-LIVORNO FINISCE IN RISSA

#NotizieSportiveDiUnSecoloFa (25 marzo 1917)

foto 2 (3)FOOTBALL – La finalissima giocata alle Cascine fra l’U.S. Livorno e la Libertas ha avuto un finale indecoroso. Dopo che la prima frazione di gioco – chiusa sullo zero a zero e arbitrata egregiamente dal signor Marengo di Genova inviato espressamente dalla Federazione – si era conclusa senza incidenti, nel secondo tempo la situazione è degenerata. Già la decisione federale di giocare sul campo dell’Itala di Firenze aveva fomentato il rancore dei livornesi, che si erano segnalati per il loro gioco duro. Ma dopo che l’arbitro concesse un calcio di rigore in favore della Libertas, a seguito di una carica violenta di Stolfi e che con un tiro preciso Colombo III aveva finalizzato la massima punizione, si scatenò un pandemonio. Continua a leggere