‘Neutrally anti-communists’ international sports institutions and the case of Trieste (1945–1954)

RSIHSulla rivista accademica inglese “Sport in History” all’interno del volume 37 del 2017, ovvero il numero monografico dal titolo “International sports organisations” ho pubblicato il saggio: ‘Neutrally anti-communists’ international sports institutions and the case of Trieste (1945-1954).

Qui di seguito l’abstract:

From 1947 until 1954, the Free Territory of Trieste (FTT) was formally an independent territory under the direct control of the UN. However, unlike the case of the Saar Protectorate, the FTT never managed to achieve recognition in the international sports arena. This article has two key aims. The first is to investigate how different international sports organisations, such as IOC, FIFA and UCI, dealt with the issue of the recognition of an in-limbo state. The second is to analyse the role of the Cold War in the decision taken by the main international sports bodies to not recognise the UCEF. The case of Trieste also allows an analysis of the dual nature of the international sports institutions when they have to deal with political issues. From one side, the IOC and the ISFs can be seen as an arena of confrontation between the interests of different nations. However, at the same time, those sports organisations managed to maintain some degree of autonomy from the realm of international politics. In fact, the decision on Trieste was a compromise between the respect of the rules, the influence of international politics and the internal balance of power of every single body. Continua a leggere

Annunci

Road to Paris 2024

Paris2024-ocpEnrico Masi e Stefano Migliore hanno prodotto un bel reportage radiofonico sulla Parigi olimpica che si appresta ad organizzare i Giochi Olimpici. Significativo che a commissionargliela sia stata la RSI la radiotelevisione svizzera che ancora una volta si dimostra all’avanguardia su queste tematiche. Nello specifico il programma in questione è Laser, un magazine di approfondimento dell’attualità politica, culturale, sociale, che va in onda su Rete Due. Continua a leggere

Parigi 2024 – LA 2028 su Limes-online

C_29_articolo_1171758_upiImgPrincipaleOrizIeri su limes-online ho scritto un commento sull’assegnazione da parte del CIO delle Olimpiadi a Pargi (2024) e Los Angeles (2028).

Il voto della sessione del Comitato Olimpico Internazionale (Cio) riunito a Lima, con cui sono stati assegnati i Giochi olimpici estivi del 2024 a Parigi e quelli del 2028 a Los Angeles, non fa altro che ratificare una decisione presa lo scorso 31 luglio.
Per molti versi si tratta di un compromesso pragmatico che accontenta due candidature forti, ma che evidenzia allo stesso tempo le debolezze attuali del Cio, causate dalle rinunce di Amburgo, Budapest e Roma. Continua a leggere

Il caso Vaccaro. L’espulsione del membro italiano dal Cio e i risvolti internazionali di un “regolamento di conti”

cop-1Il 14 gennaio a Caserta sarà presentato il n° 5 dei Quaderni della Società Italiana di Storia dello Sport intitolato “Sport e Seconda guerra mondiale. Dal totalitarismo nazifascista alla Resistenza”. In quel numero ho pubblicato il saggio: Il caso Vaccaro. L’espulsione del membro italiano dal Cio e i risvolti internazionali di un “regolamento di conti”. Qui sotto potete leggere l’incipit del testo.

Nella biografia scritta da Mario Pennacchia sul Generale Giorgio Vaccaro le vicende dell’immediato secondo dopoguerra vengono liquidate in maniera frettolosa e acritica in poche pagine. La sua espulsione dal Cio nell’unico riferimento alla vicenda in tutta l’opera sembra quasi venir negata: Continua a leggere

La corsa alle Olimpiadi invernali 2018

Articolo inizialmente pubblicato su Pianeta Sport.

Dove si svolgeranno le Olimpiadi invernali del 2018? I paradossi di un mondo sempre più interdipendente faranno sì che lo scopriremo in Sudafrica, un paese con una tradizione per gli sport invernali pressoché nulla. La città di Durban (possibile candidata per la corsa ai Giochi estivi del 2020) ospiterà, dal 4 al 9 luglio, la 123° Sessione del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) che culminerà, il 6 luglio, con la selezione della città candidata a ospitare i XXIII° Giochi Olimpici Invernali. Le tre candidature in lizza sono: Annecy, città delle Alpi francesi in Alta Savoia, P’yŏngch’ang, in Corea del Sud, e Monaco di Baviera, in Germania. Continua a leggere

L’ipocrisia dell’esclusione olimpica del Ghana

Lo scorso 13 gennaio, in occasione del meeting del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) tenutosi nel quartier generale di Losanna, il Ghana è stato sospeso per “interferenze politiche” nei confronti del Comitato Olimpico del paese (GOC).

Articolo inizialmente pubblicato su Pianeta Sport

Lo scorso 13 gennaio, in occasione del meeting del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) tenutosi nel quartier generale di Losanna, il Ghana è stato sospeso per “interferenze politiche” nei confronti del Comitato Olimpico del paese (GOC). Un provvedimento simile a quello preso il 1° gennaio di quest’anno ai danni del Kuwait, lo stesso che impedì all’Iraq di partecipare alle Olimpiadi di Pechino. Continua a leggere