La frase del giorno (16.5.2017)

r208113_608x405ccCosa signfica essere il miglior calciatore in un Paese in guerra civile? La frase del giorno non poteva che essere un estratto del bel reportage di Steve Fainaru sul calcio in Siria negli anni della guerra civile. Nello specifico le parole di Firas al-Khatib, che per cinque anni ha rifiutato la convocazione e poi è toranto a vestire la maglia della nazionale siriana fanno capire come in situazioni simili lo sport, e in questo caso il calcio, smettono completamente di essere un fenomeno neutro. Continua a leggere

Annunci

Su Avvenire la storia di Rashid Khan

563251-rashid-khan-040717Ogni favola ha il suo lieto fine. Quello di Rashid Khan sembrava essere stato scritto in febbraio, quando, con un ingaggio di ben 550.000 euro, è diventato il primo afghano scelto da una squadra dell’Indian Premier League (Ipl), il lucrativo e spettacolare campionato indiano di cricket. Le superbe prestazioni sin qui offerte di fronte ai ben più blasonati colleghi hanno però chiarito che quest’astro nascente potrà aggiungere ancora molti capitoli alla sua storia personale e a quella del suo Paese. Continua a leggere

Riaprono il Velodromo Sempione e l’Ippodromo di San Siro

#NotizieSportiveDiUnSecoloFa (22 aprile 1917)

foto 4 (13)CICLISMO: Circa ottomila persone hanno assistito alla riunione ciclistica d’apertura sulla pista del Velodromo del Sempione. Si sono svolte una corsa ad handicap per dilettanti, una per professionisti, un’australiana per professionisti, una corsa ad eliminazione per dilettanti, una corsa per stayers e la Milano-Sanremo su pista. I momenti clou della giornata sono stati l’Australiana e la Milano-Sanremo su pista nelle quali i migliori campioni italiani sono stati opposti a Egg. In entrambi casi il campione svizzero, vincitore della sei giorni di New York e delle ultime gare al Velodromo d’inverno di Parigi ha avuto la meglio lasciando a digiuno i ciclisti nostrani, tra i quali l’unico che si è distinto è estato Belloni. La corsa podistica sui 1000 metri è stata invece vinta da Balzarini su Riva e Lambri. Continua a leggere

Call: Sport e Grande Guerra, il contributo del Sud (5-6 ottobre 2017)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa iniziativa della SISSLo-sport-alla-Grande-Guerra:

La SISS (Società Italiana di Storia dello Sport) e la SISM (Società Italiana di Storia Militare), con la collaborazione dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, organizzano a Caserta nei giorni 5 e 6 ottobre un Seminario sul contributo del Sud d’Italia nel rapporto tra mondo dello sport e prima guerra mondiale. Il Mezzogiorno italiano non è stato sede di azioni belliche, tuttavia questa zona del nostro territorio nazionale è stata pesantemente coinvolta nell’offrire un gran numero di coscritti per un rilevante impegno sul fronte, con l’esito di migliaia di persone  generosamente votate al sacrificio della propria vita. Molte di quelle persone erano degli sportivi, ma questo non è  l’unico trait d’union tra  i due mondi  le cui relazioni si vogliono analizzare. Lo sport infatti è anche servito, soprattutto al Sud, come catalizzatore dello spirito di appartenenza a un’unica patria, quando questa consapevolezza non era ancora ben radicata in tutto il paese. Continua a leggere

Con un 4-0 all’Inter, il Milan ipoteca la Coppa

#NotizieSportiveDiUnSecoloFa (1 aprile 1917)

Football: Sotto un cielo terso e di fronte a una grande folla, sul campo del Velodromo del Sempione, domenica il Milan, in formazione completa, ha avuto facilmente la meglio dell’Internazionale con il risultato di 4 a 0. I rossoneri si sono installati per tutta la durata del match nell’area avversaria. L’incontro è stato deciso dalla doppietta di Cevenini, dalla rete di Creppi e dall’autorete del portiere neroazzurro Chiesa. Continua a leggere

Gravi incidenti alle corse dei Parioli

#NotizieSportiveDiUnSecoloFa (18 marzo 1917)

IPPICA – In occasione delle corse domenicali all’ippodromo ai Parioli si è verificato un violento tumulto. Durante la gara valida per il premio Tor di Mezza via, al segnale – che non era buono – sono partiti solo sei cavalli, che hanno completato tutto il giro, mentre gli altri quattro sono rimasti al palo. I commissari hanno poi fatto partire i rimasti ma gli altri sei cavalli, richiamati alla partenza, non si sono presentati. Ciononostante i denari delle scommesse sui sei cavalli non partenti non sono stati restituiti. Quando i puntatori si sono presentati per reclamarli hanno trovato i totalizzatori chiusi e non hanno esitato ad esternare la loro rabbia. Continua a leggere

Il football sulla linea del fuoco

foto-1#NotizieSportiveDiUnSecoloFa (25 e 26 febbraio 1917)

FOOTBALL AL FRONTE – Il 26 febbraio, grazie al lavoro svolto da un reparto di Trattrici di Artiglieria, si è solennemente inaugurato in piena zona d’operazioni un regolare campo di football. Il primo incontro, di fronte a 500 persone, si è svolto tra la squadra del Reparto Trattrici (XI Corpo d’Armata) e una squadra della vecchia e gloriosa brigata Bologna. Il match si è chiuso con la vittoria degli automobilisti per 6 a 1. I palloni ai soldati sono forniti gratuitamente dalla Gazzetta dello Sport. Continua a leggere

18 febbraio 1917: Notizie sportive di un secolo fa…

img_5343

FOOT-BALL – Malgrado il maltempo continuano gli incontri settimanali validi per le Coppe regionali di foot-ball. A Milano sul campo del Velodromo Sempione un numeroso pubblico ha assistito alla gara fra Legnano e Internazionale valida per la fase finale della Coppa regionale lombarda. I legnanesi hanno superato i rivali con il punteggio di 3 a 2. Sullo stesso campo il Milano ha avuto facilmente la meglio per 9 a 0 nell’ultimo incontro eliminatorio. Continua a leggere

Su Il Mulino l’articolo: “Aleppo, 9/2/2017”

download«Una parvenza di normalità è tornata sabato scorso, per qualche ora, ad Aleppo, quando le squadre locali dell’Al-Ittihad e dell’Al-Hurriya si sono incontrate per il primo derby nella città dopo cinque anni. Una grande folla è arrivata per assistere all’incontro, vinto per 2 a 1 dall’Al-Ittihad». Con queste parole, nella didascalia di una galleria fotografica pubblicata il 30 gennaio sulla sua pagina Facebook, la Fifa ha voluto celebrare il ritorno del calcio nella «città martire» della guerra siriana, cavalcando la retorica per cui il pallone ha la forza di superare i conflitti, unire i popoli e riportare il sorriso fra la gente.

Continua a leggere sul sito de La rivista il Mulino.