Questa sera su sky “1945 Checkpoint Trieste” – Letture per approfondire

CHECKPOINT_TRIESTE_MARANI

Questa Sera su Sky alle 23.15 va in onda “1945, Checkpoint Trieste” è una produzione originale di Sky Sport, firmata da Matteo Marani, a cura di Alessia Tarquinio con Fabio Fiorentino e Andrea Parini.

Avendo lavorato molto in questi anni, sullo sport a Trieste fra il 1945 e il 1953 per la mia tesi di laurea, ho potuto dare un mio piccolo contributo mettendo a disposizione i miei scritti e qualche documento. Ringrazio Matteo Marani e il suo team per la citazione.

Per chi volesse approfondire la questione con le letture ecco dove può trovare tre miei saggi (in inglese) sul tema: Continua a leggere

Annunci

Storia della coppa del mondo di calcio (1930-2018). Politica, sport, globalizzazione

image002 (2)

Per la collana “Dentro la storia” da qualche giorno è uscito il libro:

Riccardo Brizzi – Nicola Sbetti, Storia della Coppa del mondo di calcio (1930-2018). Politica, sport, globalizzazione, Firenze, Le Monnier, 2018.

Qui la scheda del libro

Qui il link alla pubblicazione

Qui il link per l’acquisto

 

 

Qui di seguito le varie recensioni, gli interventi pubblici e le presentazioni: Continua a leggere

Like a Bridge Over Troubled Adriatic Water: The Complex Relationship between Italian and Yugoslavian Sporting Diplomacy (1945–1954)

FHSPSulla rivista accademica inglese “International Journal of the History of Sport” all’interno del volume 34 del 2017, ovvero il numero monografico dal titolo “The History and Social Role of Sport in Socialist Yugoslavia” ho pubblicato il saggio: Like a Bridge Over Troubled Adriatic Water: The Complex Relationship between Italian and Yugoslavian Sporting Diplomacy (1945-1954)

Qui di seguito l’abstract:

The fall of the Fascist regime and the creation of the FPRY did not end the pre-existing ethnic strains between the Slovenian–Croatian and Italian populations, nor did it temper the geopolitical ambitions of Yugoslavia and Italy over the Adriatic coast. Furthermore, the political choices of Belgrade and Rome caused, especially up to 1948, growing differences from an ideological standpoint and influenced the sporting field. The aim of this paper is to analyze the evolution of the sporting–diplomatic relationship between Italy and Yugoslavia, paying special attention to the ‘Trieste case’. Unsurprisingly, before 1948, there were no bilateral sporting exchanges; however, the two countries were particularly committed to demonstrate, including in the sporting field, that Trieste belonged to them. Belgrade could take advantage of the presence of a strong communist Italian minority, who created a sport association for the Free Territory of Trieste whose clubs played in the Yugoslavian championships. In a similar way, the Italian Olympic Committee constantly used sport to affirm the ‘Italianness’ of Trieste. After the Tito–Stalin split, the ‘sporting fight’ to ‘occupy’ Trieste lost intensity as Belgrade began to show more interest in reopening the (sporting) relationships with the West. By looking at the evolution of the bilateral relations between Italy and Yugoslavia, it will be argued that the timing of this sporting rapprochement was strongly connected with the political diplomacy between Belgrade and Rome. Continua a leggere

‘Neutrally anti-communists’ international sports institutions and the case of Trieste (1945–1954)

RSIHSulla rivista accademica inglese “Sport in History” all’interno del volume 37 del 2017, ovvero il numero monografico dal titolo “International sports organisations” ho pubblicato il saggio: ‘Neutrally anti-communists’ international sports institutions and the case of Trieste (1945-1954).

Qui di seguito l’abstract:

From 1947 until 1954, the Free Territory of Trieste (FTT) was formally an independent territory under the direct control of the UN. However, unlike the case of the Saar Protectorate, the FTT never managed to achieve recognition in the international sports arena. This article has two key aims. The first is to investigate how different international sports organisations, such as IOC, FIFA and UCI, dealt with the issue of the recognition of an in-limbo state. The second is to analyse the role of the Cold War in the decision taken by the main international sports bodies to not recognise the UCEF. The case of Trieste also allows an analysis of the dual nature of the international sports institutions when they have to deal with political issues. From one side, the IOC and the ISFs can be seen as an arena of confrontation between the interests of different nations. However, at the same time, those sports organisations managed to maintain some degree of autonomy from the realm of international politics. In fact, the decision on Trieste was a compromise between the respect of the rules, the influence of international politics and the internal balance of power of every single body. Continua a leggere

Road to Paris 2024

Paris2024-ocpEnrico Masi e Stefano Migliore hanno prodotto un bel reportage radiofonico sulla Parigi olimpica che si appresta ad organizzare i Giochi Olimpici. Significativo che a commissionargliela sia stata la RSI la radiotelevisione svizzera che ancora una volta si dimostra all’avanguardia su queste tematiche. Nello specifico il programma in questione è Laser, un magazine di approfondimento dell’attualità politica, culturale, sociale, che va in onda su Rete Due. Continua a leggere

“L’america in ginocchio” sul sito de “La rivista il Mulino”

06Per La rivista il Mulino ho scritto un articolo su Colin Kaepernick e il Take-A-Knee Mouvement.

Per aver sollevato il pugno chiuso sul podio olimpico dei 200 metri ai Giochi di Città del Messico ‘68 mentre risuonava l’inno nazionale, Tommie Smith e John Carlos furono espulsi dal villaggio olimpico. Subito sospesi dalla squadra statunitense, una volta tornati in patria vennero insultati, minacciati di morte e costretti a rinunciare alle proprie carriere. Oggi la foto che li ritrae sul podio è un’icona del Novecento, un simbolo di libertà che celebra la presa di coscienza di una generazione di atleti che si fece portavoce anche in campo sportivo delle battaglie, vinte, per i diritti civili. Continua a leggere

Lo Sport sfida il terrorismo – Un mio articolo su “Avvenire”

21742828_10156734533727516_3022533247004109175_nPubblicato il 15 settembre 2017 su Avvenire, p. 19.

Dopo l’attentato del marzo 2009, subìto dalla nazionale di cricket dello Sri Lanka, il Pakistan non poteva più esibirsi negli stadi del proprio paese e per ragioni di sicurezza giocava negli Emirati. Ora i match disputati in terra pachistana hanno posto fine all’esilio.

I migliori giocatori di cricket sono in Pakistan per “battere” il terrorismo. Lahore è una città in festa e in trepidante attesa per l’ultima sfida decisiva. Dopo la vittoria di martedì scorso, 12 settembre, la nazionale pachistana è incappata il giorno dopo in una sconfitta che ha riportato in parità la serie, ma ciò non ha fermato la gioia nè i festeggiamenti. Il vero successo, infatti, è che, dopo otto anni di assenza, il cricket internazionale sia tornato in Pakistan. Continua a leggere

Parigi 2024 – LA 2028 su Limes-online

C_29_articolo_1171758_upiImgPrincipaleOrizIeri su limes-online ho scritto un commento sull’assegnazione da parte del CIO delle Olimpiadi a Pargi (2024) e Los Angeles (2028).

Il voto della sessione del Comitato Olimpico Internazionale (Cio) riunito a Lima, con cui sono stati assegnati i Giochi olimpici estivi del 2024 a Parigi e quelli del 2028 a Los Angeles, non fa altro che ratificare una decisione presa lo scorso 31 luglio.
Per molti versi si tratta di un compromesso pragmatico che accontenta due candidature forti, ma che evidenzia allo stesso tempo le debolezze attuali del Cio, causate dalle rinunce di Amburgo, Budapest e Roma. Continua a leggere

La voce di Zeno Colò sul Dizionario Bibliografico degli Italiani (Treccani)

16864726_10155945292017516_7489424829875699972_nSul Dizionario Bibliografico degli Italiani edito da Treccani, la più importante e prestigiosa enciclopedia italiana, è stata pubblicata la voce di Zeno Colò che ho curato.

La voce è consultabile gratuitamente qui.

Per i pochi che non lo conoscessero, Zeno Colò è stato il primo grande sciatore maschile italiano. Fu il primo a conquistare un oro olimpico (ai Giochi invernali di Oslo nel 1952). Continua a leggere